Torna all'home page
pixel trasparente
Il Cammino di Francesco freccia
La Valle Santa e
San Francesco
freccia
• La Valle Santa nei secoli
• I comuni
pixel trasparentedella Valle Santa
• Insediamenti
pixel trasparenteFrancescani
pixel trasparentenella Provincia
• San Francesco a Rieti
• Arte reatina
• I reatini di San Francesco
• Vita di San Francesco
• San Francesco nel mondo
Le tappe del Cammino freccia
Mappe, ospitalità e
sentieri

freccia
Le immagini del Cammino freccia
Eventi e notizie freccia
Rassegna stampa freccia
I racconti dei pellegrini freccia
Forum: il tuo Cammino freccia
Registro degli attestati freccia
Newsletter freccia
Cartoline:
invito al Cammino
freccia
• Contatti
• Link
• Bibliografia
• Segnala questa pagina
• Credits
pixel trasparente pixel trasparente
Home > La Valle Santa e San Francesco > I reatini di Francesco
I reatini di San Francesco
Veduta di Rieti dall'alto"...la città di Rieti esulti, goda, si glori del suo tesoro incomparabile, il beato Angelo, cittadino reatino. Ammirabile, egli emerge per l'appartenenza al santo Ordine dei Minori, e di tale edificio resterà per sempre una pietra miliare."
Anonimo Reatino, Actus Beati Francisci in Valle Reatina, I, 30, a c. di A. Cadderi, Assisi, 1999

Come Angelo Tancredi, tanti abitanti della Valle Santa furono per San Francesco amici fraterni e tra i primi ad accogliere il suo messaggio: Angelo Tancredi, Illuminato da Rieti, Filippo Longo, Giovanni Velita, Gedeone e Filippa Mareri.

Angelo Tancredi
"...quando era nel mondo ancora un cavaliere, sentendo che la vita degli Apostoli riviveva su questa terra, donò tutto ai poveri."
Anonimo Reatino, Actus Beati Francisci in Valle Reatina, I, 24, a c. di A. Cadderi, Assisi, 1999

Si unì al gruppo dei primi dodici soci di San Francesco. Ammirato per la sua cortesia, fu il primo nobile a entrare nell'Ordine. Da allora fu sempre vicino a San Francesco, anche quando, sulla Verna, ricevette le Stimmate. Negli ultimi due anni travagliati della vita del Poverello fu suo guardiano personale. La fratellanza e l'amicizia con San Francesco furono così intense che il Santo lo volle vicino, insieme a frate Leone, nel momento del trapasso. Il legame profondo che unì Angelo a San Francesco è ancora testimoniato dalle loro sepolture: entrambi riposano nella Basilica di Assisi, a non molta distanza.

Illuminato da Rieti
"Partì, dunque, prendendo con sé un compagno, che si chiamava Illuminato ed era davvero illuminato e virtuoso."
Bonaventura da Bagnoreggio, Leggenda Maggiore, IX, 8, in Fonti Francescane. Editio Minor, Assisi, 1986

Illuminato fu tra i primi discepoli di San Francesco e accompagnò il Santo in alcuni dei momenti più importanti della sua vita. Gli fu accanto nel viaggio in Terra Santa, condividendo tutti i pericoli di quella spedizione. Gli fu accanto sul monte della Verna, quando San Francesco ricevette le Stimmate.

Filippo Longo
"...parlava di Dio con mirabile dolcezza.
" Tommaso da Celano, Vita Prima, X, 25, in Fonti Francescane. Editio Minor, Assisi, 1986

In questo passo Tommaso da Celano ci racconta della prodigiosa capacità di Filippo d'interpretare le Sacre Scritture, pur non sapendo leggere. Anche Filippo fu tra i primissimi seguaci di San Francesco. Il Santo lo nominò primo direttore spirituale delle Clarisse di San Damiano. Fu destituito dalla carica quando, senza approvazione, prese la direzione di tutti i monasteri delle Clarisse. In seguito San Francesco gli affidò l'importante incarico di recarsi in missione in Francia.

Giovanni Velita
"...era molto caro al beato Francesco perché, pur essendo nobile e molto onorato nella sua regione, stimava più la nobiltà dello spirito.
" Tommaso da Celano, Vita Prima, XXX, 84, in Fonti Francescane. Editio Minor, Assisi, 1986

Fu a Giovanni, signore del castello di Greccio, che San Francesco si rivolse per farsi aiutare nei preparativi del Presepe di Greccio, segno di profonda stima e amicizia. Fu Giovanni a predisporre il luogo in cui San Francesco rievocò il mistero della Natività, portando la mangiatoia, il fieno, il bue e l'asinello.

Il canonico Gedeone
La presenza di San Francesco a Rieti si lega anche al nome del canonico Gedeone. L'Anonimo Reatino ci racconta il miracolo operato da San Francesco nei suoi confronti con toni coloriti. Mentre il Santo era nella città, gravemente malato, gli fu portato Gedeone in fin di vita. San Francesco, pur conoscendo la sua vita da peccatore, lo guarì avvertendolo di non tornare a peccare. Il canonico non diede ascolto al Poverello e morì sepolto sotto il tetto della casa in cui di nuovo aveva infranto le leggi.
Gedeone fu un personaggio molto noto a Rieti ai tempi di San Francesco, viene citato varie volte nelle carte d'archivio a partire dal 1201 fino al 1236.

Beata Filippa Mareri
Contemporanea di San Francesco, colta e nobile, Filippa lasciò ogni avere per entrare tra le Clarisse. È una delle figure più venerate del Cicolano, regione dell'entroterra reatino dalla quale proviene.
La tradizione locale racconta che i baroni Mareri erano furiosi per la conversione della figlia, che si rinchiuse in una parte del loro castello per condurre una vita claustrale. Questa decisione scatenò atti di furiosa violenza nei familiari, placati solo dall'arrivo nel castello di San Francesco e dal suo saluto "La pace sia a questa casa".
Fondò a Borgo San Pietro, nei pressi del lago del Salto, un monastero circondato ancor oggi dalla venerazione degli abitanti del luogo.

bandiera italianaItaliano    bandiera ingleseEnglish
Vieni in Cammino
Pacchetti turistici e offerte. Leggi tutte le offerte
pixel trasparente
Le immagini del Cammino
Lago Lungo - Rieti
Le più belle immagini e
gli scenari immersivi a 360° del Cammino.
pixel trasparente
I racconti dei pellegrini
pixel trasparente
Dal registro degli attestati
punto arancioVai al registro degli
pixel trasparenteattestati



pixel trasparente
Copyright © 2003 - 2006. Tutti i diritti riservati.
E' proibita la riproduzione totale o parziale dei contenuti di questo sito senza il consenso scritto dell'editore.
pixel trasparente pixel trasparente pixel trasparente






Docup Obiettivo 2 Regione Lazio
Programmazione 2000-2006 Dipartimento Sociale
Asse III – Misura III.2 Direzione Regionale
Sottomisura III.2.2 Cultura Sport e Turismo
Area "Strutture Turistiche e Demanio"