Arriva in Piazza Vittorio Emanuele II nei giorni 28 e 29 dicembre la parete di arrampicata sportiva del CAI di Rieti.
Arrampicare, “salire aggrappandosi”, ma anche “raggiungere un fine desiderato dandosi da fare con accortezza, con assiduità, con fatica”. E la parete di arrampicata che sarà montata in piazza per iniziativa del CAI Sezione di Rieti, con la squadra del CNSAS ed in collaborazione con il CAI Sezione di Amatrice e il CAI Sezione di
Leonessa, vuole rappresentare simbolicamente un appiglio per quanti, la notte del 24 agosto hanno perduto beni e affetti più cari, ma stanno risalendo con tenacia e caparbietà.
L’iniziativa, che avrebbe dovuto tenersi nel week end del 29/30 ottobre, annullata a causa degli eventi sismici di quei giorni, vedrà le dimostrazioni del CNSAS e del Gruppo Speleo e sarà l’occasione per raccogliere fondi da devolvere al progetto “Casa della Montagna per il CAI di Amatrice”, attraverso un piccolo contributo volontario che verrà richiesto a quanti, dai più piccoli ai più grandi, vorranno sperimentare la parete, ma sarà anche l’occasione per ricordare tre giovani soci del CAI di Amatrice, Andrea, Caterina ed Emanuel e del socio Rocco rimasti vittime del sisma.
Sulla Piazza Vittorio Emanuele II, oltre alla parete di arrampicata, saranno allestiti degli stand per degustare ed acquistare i prodotti tipici amatriciani.