È pronta a entrare nel vivo la 48esima edizione della Festa del Sole che si svolgerà sulle sponde del fiume Velino dal 13 al 17 luglio.
Quest’anno l’elemento distintivo è il Francescanesimo che qualifica il legame profondo tra la terra reatina e gli elementi naturali che nella Festa hanno un ruolo predominante. Nella presentazione si è evidenziato come la Festa del Sole, nel tempo, sia cresciuta con tutte le attività ad essa collegate che spaziano dalla tradizione gastronomica fino a quelle più culturali che si legano, come già detto, al francescanesimo, con Fratello Sole e Sorella Acqua, concetto richiamato nella stessa titolazione della Festa 2016.
Novità di quest’anno è la serata in cui i Rioni gareggeranno con un concorso musicale per gruppi reatini associati ai Rioni, di cui alcuni vecchi gruppi collaudati ma non mancheranno anche nuove proposte; sarà un’occasione per godere delle rive del fiume come palcoscenico naturale.
Altra novità è la partecipazione della Cooperativa Sociale Campagna Sabina, nata per promuovere cibo, turismo e cultura in provincia di Rieti, per far conoscere e valorizzare dei prodotti agricoli e alimentari di eccellenza del Reatino, essendo la Festa del Sole un appuntamento importante e significativo della storia, della cultura e della nostra identità territoriale. Viene così proposta la prima tappa “Paese che vai, Cibo che trovi”. La ristorazione sarà curata da Lungovelino Cafè che durante il periodo della festa proporrà diversi piatti tipici.
La giornata di domenica sarà caratterizzata dalle gare sul fiume (Duello della Pertica, Corsa delle biciclette, gara delle Barche fiumarole) e dall’emozionante Palio della Tinozza. Quest’ultimo è l’evento più amato della manifestazione, in cui un concorrente per rione percorre un percorso di circa 800 metri, seduto all’interno di una tinozza appunto (una sorta di “mezzo tino”), spingendosi con un solo remo in legno cercando di avere la meglio sugli avversari nonchè della corrente che certo non aiuta a mantenersi in equilibrio.